Osservatorio

Osservatorio Galileo Galilei

NATI NEL 1968

Da sempre gli uomini hanno rivolto gli occhi alle stelle. L’infinito spazio del cielo seminato dal brillare lontano delle stelle ha suscitato timore, riverenza, adorazione, curiosità.
Perché esistano le stelle è una domanda a cui l’umanità ha dato molte risposte: nei
miti greci di Berenice, Andromeda, Orione o Cassiopea, le stelle furono eroi mortali trasformati dagli Dei in luci immortali. Le stelle hanno ispirato poesie, canzoni, dipinti. Ci hanno lasciato attoniti di fronte alla consapevolezza di quanto siamo piccoli di fronte all’Universo.
Alcuni vedono nelle stelle la mano di Dio, altri sono convinti che la scienza possa spiegare l’universo senza necessità di un creatore, ma il bisogno di trovare una ragione di fronte al cielo rimane.
La filosofia si può chiedere “perché sono nate le stelle”, mentre la scienza si chiede “come sono nate le stelle?”. E la scienza sta rispondendo alla domanda che si è posta, grazie a menti brillanti come quella di Stephen Hawking.

50 anni fa un gruppo di appassionati, affascinati dalle stelle, hanno dato vita all’Osservatorio Astronomico Galileo Galilei, tra le colline e i vigneti di Suno, e questo volume ne ripercorre la storia, le iniziative, l’attività: una storia che auguro possa continuare per molto, molto tempo ancora.
Mi piace pensare che forse, un giorno, un bambino guarderà le stelle dal nostro telescopio e si porrà le stesse domande che ci poniamo da secoli: perché? come? siamo soli? E comincerà a cercare le risposte.
Non se il mistero delle stelle sarà svelato, ma so che cercare la risposta è altrettanto importante.
La grande astrofisica Margherita Hack ha detto: “Tutti noi abbiamo un’origine comune, siamo tutti figli dell’evoluzione dell’universo, dell’evoluzione delle stelle, e quindi siamo davvero tutti fratelli”.
Non c’è cosa più bella e importante che possiamo imparare dalle stelle.
Suno, 19 febbraio 2018

01.

OSSERVAZIONE

02.

RICERCA

03.

DIVULGAZIONE

50 ANNI DI STORIA

Il 9 marzo 2018 l’Associazione Provinciale Astrofili Novaresi compie 50 anni. Si è pensato quindi di organizzare un evento che si svolgerà il prossimo 21 aprile per ricordare questo importante traguardo. Quindi una giornata di riflessione con appuntamenti dove verranno presentate le attività svolte e si terranno delle conferenze a cura di professionisti del settore.
Si è deciso anche di pubblicare un fascicolo per ripercorrere il lungo cammino intrapreso e rammentare ai vecchi soci le attività svolte e informare i nuovi e futuri soci su quanto è possibile sviluppare nel cammino di ricerca e di divulgazione astronomica.
Nei primi anni ’60 del secolo corso un gruppo di amici interessati alle problematiche scientifiche e in particolare astronomiche si riunivano in vari luoghi del nostro territorio. Si è poi deciso di organizzare le attività in una associazione e di trovare un luogo, a quei tempi, esente da inquinamento luminoso dove costruire una sede con annesso osservatorio astronomico.
La ricerca è caduta nel Comune di Suno, luogo accessibile con facilità da tutti gli aderenti.

Uno dei problemi che abbiamo dovuto risolvere è stato quello della realizzazione di uno strumento con caratteristiche importanti per l’osservazione. A quei tempi non esistevano aziende costruttrici di strumentazione astronomica che non fossero attive solo nel campo professionale con costi al di fuori delle possibilità di associazione non pubbliche.
In questa e in altre occasioni, i soci hanno imparato che il risultato si raggiunge spesso con il lavoro e l’intraprendenza. Abbiamo quindi progettato e realizzato uno strumento che a quei tempi pareva un traguardo irraggiungibile. Così abbiamo proseguito nella costruzione del complesso, della cupola, del planetario e del nuovo Telescopio che ha sostituito il precedente dopo 30 anni di servizio. Per questo dobbiamo ringraziare i soci che hanno collaborato e tutte le altre persone che ci hanno aiutato dando consigli e mettendoci a disposizione delle strutture.
Da allora l’astronomia è cambiata, il cielo non è più quello di una volta ma la tecnologia ha fatto passi da gigante con nuove apparecchiature che permettono di osservare anche il profondo cielo e di fare della vera e propria ricerca.
Dobbiamo ricordare anche l’attività svolta per la divulgazione dell’astronomia, sia presso l’osservatorio sia all’esterno con corsi di formazione, serate pubbliche e incontri divulgativi.
Auguriamo quindi una buona lettura di questo fascicolo invogliando le persone a partecipare in maniera attiva alla visione del cielo ricordando che questo è una magnifica finestra per farci conoscere il nostro posto in questo vasto Universo.

PRENOTA ORA LA TUA VISITA

Per prenotazioni e maggiori informazioni vai alla pagina

NEL NOVARESE

ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Le serate osservative sono state ripartite per permettere il raggiungimento degli scopi dell’Associazione. Pertanto oltre alle serate dedicate allo studio e  ll’osservazione da parte dei Soci e degli appassionati, vengono dedicate alcune serate alle osservazioni pubbliche. Vengono anche organizzate serate o periodi di osservazione in concomitanza con eventi astronomici straordinari, quali ad esempio il passaggio di una cometa o un eclisse di Sole o di Luna.

VISITE E PRENOTAZIONI

Al fine di migliorare l’esperienza della visita e per ragioni di sicurezza, i posti sono limitati a 30. E’ richiesta una prenotazione effettuabile on-line selezionando il menu “Prenotazioni”. I biglietti (gratuiti) verranno recapitati direttamente nella email indicata in fase di prenotazione e garantiranno l’accesso alla struttura.

L’osservatorio dispone di parcheggio privato su prato.
Per qualsiasi difficoltà riscontrata in fase di prenotazione o per qualsiasi informazione relativa alla Sua prenotazione  invitiamo a inviare una email a prenotazioni@old.osservatoriogalilei.com

Per essere costantemente aggiornati sulle iniziative ed eventi dell’osservatorio, è sufficiente, qualora non lo aveste già fatto, sottoscrivere la ricezione del bollettino mensile gratuito di informazione astronomica direttamente nello spazio “NEWSLETTER E BOLLETTINO” oppure nel banner visualizzato al primo accesso.
L’osservatorio è aperto al pubblico ogni primo e terzo mercoledì del mese con proiezioni al planetario e,  solo in caso di meteo favorevole,osservazioni al telescopio.
Gli appuntamenti sono visibili dal menu Eventi
A tal proposito si ricorda che la capacità massima per le proiezioni al planetario è limitata a 30 posti, mentre l’accesso alla cupola è consentito a 15 persone per turno. In entrambi i casi, per ragioni di sicurezza, non saranno ammesse eccezioni.

I minori devono essere accompagnati da un genitore/tutore che ne provvede alla vigilanza durante le attività all’interno e all’esterno delle strutture di proprietà dell’associazione

Gli incontri del primo e terzo mercoledì del mese sono gratuiti ma è comunque possibile lasciare un’offerta oppure, se interessati a partecipare alle attività dell’associazione sottoscrivere la tessera di socio .
Tutte le oblazioni e offerte sono impiegate per l’ampliamento dell’offerta formativa e il miglioramento delle strutture e dell’esperienza dei visitatori.
Per disponibilità e costi in giorni differenti invitiamo a prendere contatto attraverso la mail istituzionale.